Digli perché hanno bisogno della chiesa

Nessuno crescerà mai fino alla maturità semplicemente frequentando culti d’adorazione e rimanendo uno spettatore passivo. Solo la partecipazione nella vita piena della chiesa locale forma i muscoli spirituali. La Bibbia dice, “Dal quale tutto il corpo è ben connesso e unito insieme, mediante il contributo fornito da ogni giuntura e secondo il vigore di ogni singola parte, produce la crescita del corpo e l’edificazione di se stesso nell’amore” (Efesini 4:16).

Leggi il seguito

La chiesa preparata spiritualmente

È l’opinione di Schwarz che le chiese troppo spesso cercano di migliorarsi nelle cose che fanno già abbastanza bene (il pezzo di legno più lungo). Però, facendo così, queste chiese perdono la possibilità di crescere numericamente nei loro aspetti più deboli (non più forti). Dobbiamo, quindi, migliorarci nelle “caratteristiche qualitative” in cui siamo più deboli.

Leggi il seguito

Voi, noi, tu, io o Egli?

Anche se dire “noi” può essere una cosa utilissima a volte, dobbiamo stare attenti a non creare un senso di “noi contro loro”. “Noi” possa indicare “noi che siamo qua”, “noi che facciamo parte di questa comunità”, “noi che facciamo parte di questa denominazione o filo teologico” o “noi credenti”. Prima di utilizzare il “noi”, bisogna pensare a come si sentiranno “loro”.

Leggi il seguito

Perché non diciamo “Voi tutti sapete che…”

Ovviamente, il problema qua non è la frase quanto il risultato. Ci sono svariati modi in cui possiamo escludere, offendere, confondere e allontanare la gente. “Predicare Cristo crocifisso…è scandalo” (1 Corinzi 1:23), ma ciò non vuol dire che dobbiamo essere scandalosi anche noi! Ed, ora, come me, sapete perché bisogna generalmente evitare la frase “Voi tutti sapete che…” ed abbracciare la frase “Noi tutti abbiamo bisogno di Gesù!”

Leggi il seguito